Le nostre case illuminate dal sole, diventano luoghi più accoglienti e pieni di luce, di vita. Ma in estate occorre anche proteggersi per sfruttare i nostri spazi esterni, ma anche solo per riparare le nostre stanze dall’eccessivo irraggiamento e dal caldo. Come difendersi senza perdere l’opportunità di godere il nostro terrazzo o giardino? Ovviamente con una tenda da sole!

Detta anche tenda da esterno, può essere caratterizzata dall’avvolgimento manuale o motorizzato, può avere un cassonetto o semi-cassonetto, la mantovana o no, il telecomando.

Requisito necessario affinché una tenda da sole assolva al proprio compito in maniera adeguata è che abbia le giuste dimensioni. I tecnici ed esperti del settore saranno in grado di calcolare la superficie corretta per una tenda da esterni, perché la tenda da sole dovrà essere più estesa della superficie da proteggere ed allungarsi su un’area più ampia delle aperture. Tra i fattori da considerare prima di progettare uan tenda da sole, è il grado di soleggiamento della superficie da proteggere.

Il tessuto dovrà essere scelto con cura perché la sua struttura determina una maggiore o minore resistenza ai raggi UV e una maggiore o inferiore protezione dal calore. I tessuti utilizzat per le tende da esterno, sono tre.

Il tessuto in poliestere rappresenta la soluzione più economica, è adatto a superfici non eccessivamente colpite dall’irraggiamento solare e, poiché non ha una grande durata nel tempo, non è adatto ad essere esposto per lunghissimo tempo ai raggi UV.

L’acrilico è un tessuto che offre una buona resistenza ai raggi UV, è semplice da pulire utilizzando acqua ed è resistente nel tempo. Il suo limite è che, data la trama molto fitta che lo caratterizza, tende a scaldarsi, accumulando calore.

Il terzo è sicuramente il migliore: il tessuto microforato infatti è molto resistente ai raggi UV, agli strappi, si deterge agevolmente con l’acqua e resiste nel tempo senza deteriorarsi. La caratteristica che lo rende migliore è indubbiamente la trama microforata che lo rende permeabile al passaggio dell’aria consentendogli di non accumulare calore.

Una caratteristica che distigue due tipi di tende da sole è la mantovana, che può essere presente o meno. Si tratta della sezione di telo che pende all’estremità esterna della tenda stessa, tra le mantovane la più diffusa è la mantovana ondulata ma esistono anche mantovane diritte.

Una tenda da sole, inoltre, potreà essere con semi-cassonetto o semi-cassonetto: Altra caratteristica della tenda da sole è avere un cassonetto o un semi-cassonetto: il primo rappresenta una protezione per la sola tela della tenda mentre i bracci rimangono esterni, il secondo invece ingloba anche i bracci che sono così altrettanto protetti dalle intemperie.

Oggi le tende possono essere ad uso manuale o motorizzate, le prima sono consigliate solo in caso di tende di piccole superfici, mentre per grandi tendoni quella motorizzata è preferibile per la semplicità di utilizzo.

La tenda motorizzata a comando elettrico, con pulsante a muro o con telecomando (motore radio controllato), è il top della gamma: permette facilmente di aprire e chiudere la tenda senza il minimo sforzo.

Una periodica manutenzione è fortemente consigliata per permettere alle tende di durare di più nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *